Comunicazione prodotti alimentari, Top Picks

Greenwashing: il 42% delle dichiarazioni green online è ingannevole

Greenwashing è un termine utilizzato per indicare il c.d. ecologismo o ambientalismo di facciata. Per chi si occupa di sostenibilità, quindi, il greenwashing si sostanzia in una strategia di comunicazione incentrata su una ingannevole valutazione dell’impatto ambientale del prodotto commercializzato.

Greenwashing: l’analisi della Commissione Europea

La Commissione Europea, quindi, unitamente alle autorità nazionali dei consumatori, ha pubblicato i risultati di un’analisi dei siti web volta a rintracciare pratiche di greenwashing. Si tratta di un’indagine a tappeto condotta sulle affermazioni ecologiche online di aziende operanti in settori diversi come, ad esempio, elettrodomestici, abbigliamento e cosmetici. Scopo della ricerca è raccogliere dati per la nuova proposta legislativa volta a dotare i consumatori dei mezzi per la transizione verde, proposta annunciata nella nuova agenda per i consumatori.

Leggi anche: Agricoltura rigenerativa: i quattro principi base

Il 42% delle dichiarazioni è ingannevole

I risultati delle hanno evidenziato che il 42% delle dichiarazioni “green” fossero esagerate, false o ingannevoli e potenzialmente in grado di configurare pratiche commerciali sleali.

La Commissione quindi, ha rilevato che:

  • In oltre metà dei casi non venivano fornite al consumatore informazioni sufficienti per valutare la veridicità dell’affermazione;
  • nel 37 % dei casi, l’affermazione conteneva formulazioni vaghe e generiche, come “cosciente”, “rispettoso dell’ambiente”, “sostenibile”, miranti a suscitare nei consumatori l’impressione, priva di fondamento, di un prodotto senza impatto negativo sull’ambiente;
  • nel 59 % dei casi, il commerciante non aveva fornito elementi facilmente accessibili a sostegno delle sue affermazioni.

Ora, sulla base di tali ricerche, le autorità nazionali interagiranno con le imprese coinvolte al fine di segnalare i problemi e risolverli.

La ricerca ICPEN

L’indagine è stata coordinata anche con l’International Consumer Protection and Enforcement Network (ICPEN), che ha analizzato 500 siti web. L’ICPEN ha pubblicato i propri risultati che mostrano una tendenza analoga, con il 40% di dichiarazioni ingannevoli.

In particolare, l’ICPEN ha evidenziato:

  • claims vaghi e linguaggio poco chiaro come, ad esempio, l’utilizzo di “eco” o “sostenibile” riferito a “prodotti naturali” senza un’adeguata spiegazione;
  • marchi o loghi con richiami a “eco” non associati ad un’organizzazione accreditata;
  • omissione di informazioni al fine di far apparire il prodotto come eco-friendly.
1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound
it_ITItalian