Etichettatura degli alimenti OGM negli USA

Etichettatura degli alimenti OGM negli USA

10 Gennaio 2019 0 Di Elio Palumbieri

Negli Stati Uniti si è discusso a lungo ma, alla fine, si è giunti alla soluzione circa l’etichettatura degli alimenti prodotti con ingredienti OGM. Il principale nodo da sciogliere concerneva l’uso della sigla “OGM”. Alla fine si è deciso di non adottarla in quanto ormai percepita negativamente dai consumatori.

A quali prodotti è applicabile l’etichettatura degli alimenti OGM?

Al fine di individuare la corretta etichettatura degli alimenti contenenti OGM, negli Stati Uniti sono stati presi in considerazione solo quei prodotti in cui gli OGM sono rilevabili. Si tratta, secondo Food Navigator USA, di circa il 22% degli alimenti contenenti OGM.

Leggi anche “Prosecco, panettone e pandoro: come riconoscere quelli italiani”

Etichettatura degli alimenti OGM: bioengineered

Il Dipartimento dell’Agricoltura  statunitense, dunque, ha deciso di utilizzare la parola “Bioengineered” accompagnata dal logo in immagine. L’indicazione, infatti, dovrà essere presente in etichetta e accompagnata dall’apposito marchio.

I produttori, in alternativa, avranno facoltà di apporre in etichetta un codice scansionabile accompagnato da un numero di telefono a cui chiedere maggiori informazioni sul prodotto.

Le nuove regole entreranno pienamente in vigore dal 1° gennaio 2022.

Condividi questo post: