Aggiornamenti

L’inflazione cambia la spesa degli italiani? L’indagine ISMEA

Come ho più volte ribadito in questa newsletter, sono fortemente convinto che una delle attività essenziali per professionisti e imprenditori del settore agroalimentare sia quella di horizon scanning. Si tratta di un esercizio quotidiano finalizzato non solo a rintracciare, possibilmente con anticipo, l’evoluzione normativa nelle aree di interesse ma anche a intercettare i trend.

Leggi anche: La legge sulle “Piccole Produzioni Locali”​

E’ proprio di questo che voglio parlare oggi.

Le abitudini di spesa degli italiani stanno cambiando a causa dell’inflazione e l’ultimo report ISMEA lo testimonia. Ecco i dati che ritengo maggiormente interessanti.

La percezione degli italiani

Il 60% degli italiani ritiene di avere una cognizione realistica della situazione che viviamo e prevede una crescita dell’inflazione nei prossimi tre mesi tra il 3 e il 10%. Principalmente le ragioni del fenomeno vengono attribuite al conflitto in Ucraina e solo parzialmente al COVID.

Particolarmente temuto è l’aumento dei prezzi dei prodotti di prima necessità (per il 94%) e di quelli delle marche acquistate di frequente (54%). Il 52% teme persino una diminuzione dei prodotti a scaffale.

A cosa rinunciare?

Un italiano su cinque è disposto a rinunciare ai viaggi, il 16% alle spese di vestiario, il 12% ai consumi fuori casa e all’intrattenimento. Il 58% degli intervistati prevede anche di rinunciare al punto vendita abituale in favore di punti vendita o insegne con maggiori sconti. Curioso il dato sui possibili nuovi luoghi di acquisto: per il 57% il discount, per il 35% i mercati rionali.

Quali sono i driver di scelta?

La risposta varia a seconda dei prodotti. La marca resta importante per prodotti come pasta, surgelati, passate e latte mentre per carne, frutta, verdura, uova, olio EVO la dirimente resta l’origine. Sempre più presente è la variante “sostenibilità”, specie nell’acquisto di uova, pane fresco, carne bianca e carne rossa. Non mancano, infine, i prodotti “intoccabili”, quelli che verranno acquistati ugualmente: pane, latte, olio EVO, uova, frutta fresca.

Conclusioni

Proprio ieri ho avuto la fortuna di parlare e confrontarmi con un professionista esperto di un settore vicino al mio. Il tema? Come rendere le imprese maggiormente resilienti. I cambiamenti che stiamo vivendo, come è possibile evincere da questa ricerca, sono epocali e comporteranno, con tutta probabilità, anche conseguenze nel medio e lungo termine. Questo è il momento del cambiamento, in termini di comunicazione, qualità e sostenibilità, anche sfruttando fondi e finanziamenti disponibili.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound
en_USEnglish